Al momento stai visualizzando Gay Pride in Italia: guida pratica!

Gay Pride in Italia: guida pratica!

Il Gay Pride è una delle più importanti manifestazioni della comunità LGBTQ+ che viene organizzata annualmente in diversi posti d’Italia e che accoglie, ogni anno, decine e decine di persone provenienti da tutto il paese. In particolare, nella nostra penisola, le città più importanti in cui viene organizzato il Gay Pride sono Roma, Milano e Palermo. Una per ogni punto dell’Italia. 

Ma da dove proviene questa manifestazione? Qual è la sua storia? E poi, cosa portarsi durante un Gay Pride per viverlo al meglio e divertirsi? Abbiamo deciso di realizzare una guida ad hoc per farti capire cosa è il Gay Pride e fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Continua a leggere la guida e scopri tutto sulla manifestazione che si svolge ogni anno. 

Leggi anche: Gay Poppers: quali sono le migliori referenze ?

Gay pride: da dove proviene?

Il primo Gay Pride in Italia venne organizzato nel luglio del 1994 a Roma. Durante quel giorno, il 2 luglio per la precisione, una moltitudine di persone organizzarono la prima parata pride per rivendicare la propria esistenza e i propri diritti. A 25 anni dalla prima volta, l’onda pride Italia non si è fermata e, adesso, ogni anno si svolge nella Capitale partendo da piazza Santi Apostoli fino ad arrivare a Campo de’ Fiori. 

La prima manifestazione fu piuttosto scarna e venne organizzata dal circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, dopo un accordo con l’Arcigay. In quel tempo, la comunità LGBTQ non esisteva ancora e il titolo del congresso era “Visibilità Gay e Lesbiche delle Libertà e dei Diritti Civili. 

Il congresso si svolse a cavallo del primo governo Berlusconi, nel 1994 appunto. Si tratta di un periodo storico molto particolare perché si superò il bipolarismo e si abbandonarono i vecchi partiti della prima Repubblica. La marcia di orgoglio omosessuale si stabilì proprio in quell’anno e, da quel momento in poi, venne organizzata anche in altre città. A tal proposito, è importante citare anche il Torino pride in Italia. 

Ovviamente, questa manifestazione mutua le sue caratteristiche dallo street liberation day che si svolge ogni anno negli Stati Uniti e, in particolare, durante il New York Pride

Gay pride in Italia

Come detto, la storia gay pride in Italia nasce nel 1994 e, da quel momento in poi, si diffonde in tutta la penisola italiana. Ad oggi, sono tre le città che ospitano una vera propria parata di grandi dimensioni. Parliamo di Milano, di Roma e di Palermo. 

Ad esempio, il Gay Pride a Milano si svolge solitamente nell’ultima settimana di Giugno tra le strade di via Lazzaretto, via Lecco e Via Castaldi. Il Milano Pride ha già offerto 60 eventi in nove giorni con oltre 200.000 partecipanti

Il Gay Pride a Roma è una parata pride molto importante, probabilmente l’originale che si svolge in Italia. Roma, come saprai, è una città da mille sfaccettature e, nonostante sia la sede del Vaticano, la Città Eterna ha deciso di organizzare un incredibile pride ogni anno durante il mese di giugno. 

Il Roma Pride, quindi, offre una vivace parata insieme a numerose celebrazioni nelle vie della città. Il primo WorldPride si è svolto a Roma nel 2000, con un festival di una settimana che ha attirato una schiera di attivisti gay provenienti da circa 40 paesi. Si stima che circa 70.000 manifestanti abbiano partecipato alla manifestazione. Il Rome Pride ha raggiunto nuovamente la fama nel 2011, quando EuroPride ha ospitato la sua celebrazione annuale nella Città Eterna.

Infine, devi sapere che Palermo è una delle più grandi città del sud che ospita un Pride di tutto rispetto. Il Palermo Pride, a differenza di quanto avviene per gli altri pride in giro per l’Europa, non dura solamente due settimane ma tutta l’estate. Per ottenere questo risultato, infatti, vengono riunite una serie di organizzazioni locali. Palermo è riconosciuta come una delle città più gay-friendly del paese e continua a crescere sempre più in termini di turismo LGBTQ

Poppers: cosa portarti durante un gay pride in Italia? 

Adesso che conosci la storia del Gay Pride e quali sono le città che ospitano questa manifestazione, è importante capire come vivere al meglio gli eventi e divertirti. Cosa è obbligatorio portare nella pride parade? 

Innanzitutto, l’acqua. Essendo una manifestazione che si svolge nelle ore più calde di giugno, il nostro suggerimento è quello di portare liquidi per poterti reintegrare correttamente. Passando, invece, all’abbigliamento, il tuo obiettivo è quello di vestirti quanto più colorato possibile, in linea con la parata pride a cui stai partecipando. 

Essendo estate, dovrai portarti anche gli occhiali da sole e delle bandiere arcobaleno da sfoggiare durante la manifestazione. Infine, è bene portare anche la tua positività e l’orgoglio di appartenere al movimento LGBTQ moderno. 

Ma non finisce qui. Ci sono anche dei prodotti validi che possono essere usati per divertirti. Stiamo parlando dei popper. 

1 – Iron Fist Poppers

Il primo è l’Iron Fist Amyl, un popper che rilasserà i tuoi muscoli gradualmente sulla base degli effetti del nitrito di amile. Si tratta di un vasodilatatore molto forte che è riservato ai consumatori abituali. 

iron fist poppers

2 – BPM Poppers

Il secondo suggerimento che ti diamo è il BPM poppers, un prodotto dall’aroma progettato per darti la disinibizione di cui hai bisogno per goderti la manifestazione al massimo. La sua composizione si caratterizza di nitrito di proprile ed è delicata. 

bpm poppers

3 – Amsterdam XXX Pride

Infine, c’è l’Amsterdam XXX Pride che rende omaggio alla comunità Pride con un popper potete e ultra-forte a base di amile. Questo popper è in grado di aumentare il tuo desiderio, il tuo piacere e anche la tua libido. Ti darà sensazioni di dilatazione e calore in tutto il corpo. Sarà l’ideale per vivere serate perfette e all’insegna del divertimento. 

amsterdam xxx poppers